17.01.2011Alessandro Di Maio

IJF10. Il giornalismo investigativo

Al terzo giorno del Festival Internazionale del Giornalismo, tre noti giornalisti investigativi italiani, Lirio Abbate ed Emanuele Fittipaldi de ‘L’Espresso’ e Carlo Bonini “La Repubblica”, raccontano la fattispecie più importante del giornalismo, il giornalismo investigativo. Fondamentale perché riesce a svelare all’opinione pubblica fatti e situazioni ignote, il giornalismo investigativo nasce ai primi del ‘900, quando gli organizzatori del Premio Pulitzer introdussero la categoria al concorso.

Read more →

17.01.2011Alessandro Di Maio

IJF10. Giornalismo di guerra e rapporti tra media e forze armate

“La guerra del Vietnam ha rappresentato uno spartiacque nella storia del giornalismo di guerra. La stampa libera rivelò all’opinione pubblica americana le atrocità commesse dai militari e gli scarsi risultati ottenuti sul campo di battaglia. I giornalisti, con la loro posizione super partes, svelarono le bugie delle fonti ufficiali” portando l’opinione pubblica americana a spingere il potere politico ad abbandonare la guerra.

Read more →

17.01.2011Alessandro Di Maio

Media vs Integration. Conference in Vienna

Trentacinque giovani giornalisti giunti a Vienna da ogni angolo d’Europa discutono di giornalismo e integrazione delle minoranze, analizzano le relazioni e le influenze reciproche tra media e integrazione e producono prodotti editoriali per ogni tipo di supporto mediatico. L’evento è stato organizzato dalla European Youth Press e dalla Jugendpresse Osterreich sfruttando l’atmosfera multiculturale della capitale austriaca e il comune sentimento europeo dei partecipanti.

Read more →

04.01.2011Alessandro Di Maio

Raffaele Ciriello - Ramallah, 13 Marzo 2002

Due viaggi in autobus tra Tel Aviv e Gerusalemme sono stati sufficienti per portare a termine la lettura di “Passione Reporter”, un libro che racconta di un giornalismo “irregolare”, fatto di uomini e donne che per un’informazione vera hanno dato la vita. Edito da Chiare Lettere e scritto dal giornalista Daniele Bianchessi, il libro è un omaggio a Ilaria Alpi, Miran Hrovatin, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Enzo Baldoni e Antonio Russo. Tutti giornalisti inviati in zone di guerra, colleghi uccisi perché - questa la tesi del libro - avevano ficcato il naso dove non dovevano. Sono per lo più nomi sconosciuti agli italiani, ma pilastri portati per un opinione pubblica informata e colta, elementi necessari per una società democratica, grandi esempi per tutti i giornalisti - ed io sono uno di questi - che vogliono seriamente raccontare il mondo con parole, immagini, video.

Read more →

04.01.2011Alessandro Di Maio

Letture di Storia nella ummah araba

Dal mio arrivo in Terra Santa ho avuto modo di vedere pubblicati alcuni dei miei scritti e delle mie fotografie, ma ho ritrovato il piacere - perso al secondo anno d’università, quando manuali, codici, dispense e saggi presero il posto di romanzi, biografie e libri storico-strategici - di leggere libri su libri. In questo breve post - breve perché le impellenze da corrispondente sprovvisto delle più piccole garanzie sono fitte e intrecciate e non lasciano molto spazio al tempo libero - vorrei pubblicare una lista di piccole informazioni da me acquisite leggendo due tra i libri in lingua italiana portati con me dalla Sicilia. Il primo è “Storia di Israele”, un escursus storico, politico e filosofico scritto dal professore israeliano Eli Barnavi; l’altro “Breve storia dei popoli arabi”, un manuale storico scritto dal professore Sergio Noja che va dall’Arabia preislamica al sogno infranto dell’ummah arabo-islamica.

Read more →

04.01.2011Alessandro Di Maio

Operazione Soyuz 10-Salyut 1

In Sicilia il mese di maggio è mese di cambiamenti, speranze e idee. Fu proprio nel cambio di stagione che concepì l’idea di trasferirmi in Medio Oriente e lavorare da corrispondente per giornali italiani e stranieri. Presso una casa cantoniera da anni dismessa, ascoltando il ronzio delle vespe e il cicalio delle cicale, ritenendo deboli le difese di un Diritto Privato scaltro quanto grande e pericoloso, mi immaginai in Medio Oriente come forse solo il nostro re, Federico II, lo Stupor Mundi, si immaginò prima di partire alla volta di Gerusalemme. L’idea era semplice. Bisognava partire, trovare la forza e…

Read more →

Page 9 of 18 pages « First  <  3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 >  Last »